Santa benedizione delle MTB al Generoso e vin santo in borraccia!

Sfruttando la presenza di Cuu!!! i Tri-gliceridi fissano il ritrovo ore 8.15 all’Alpe Grande, questa volta muniti di MTB.

Il Biscia parte da casa, con la sua mitica VW Polo, destinazione casa di Matteo.

Il Portabici

Questa volta c’è una novità: il portabici: Portabici usato regalato da un collega e subito si capisce il perchè. In fase di aggancio Mtb ci rimangono in mano dei pezzi.

Con qualche perplessità carichiamo le bici cercando di fissarle alla vecchia maniera: doppio nodo. Unico piccolo dettaglio da prestare attenzione sono i 50 cm di ruota di una delle biciclette che sporgono dalla macchina sul lato destro.

Grazie ai consigli del co-pilota su come prendere le curve, il biscia porta le bici indenni a destinazione.

La scalata

Partenza in quel dell’Alpe Grande dove i quattro tri-atleti si apprestano alla scalata.

Presenti

  • Cobra, in forma per il panettone di Natale
  • Cuu!!! che molla la bici elettrica per passare a quella normale ( il consiglio dei saggi si riunirà presto per decidere le sue sorti)
  • Matteo che si aspetta un piatto di Pizzocchero a Orimento
  • Biscia che al Bisbino, anche se non in forma, è riuscito a riprendere Supergiovane che era in forma.

Diretti verso Orimento, i quattro si convincono sempre più di aver fatto la scelta sbagliata a parcheggiare all’Alpe Grande. C’erano parcheggi più comodi in prossimità della vetta.

La vetta di Orimento

Giornata stupenda e calda, i quattro si studiano per la volata di Orimento.

All’ultimo rettilineo il Cobra sfrutta la scia di una macchina che ci supera, questa volta non è un tandem, e supera tutti; Cuu!!! non riesce a rispondere all’attacco e perde di poco il traguardo volante.

“La caratteristica principale di molti cobra è data dalla loro reazione ad un disturbo o un pericolo”

… Piero Angela ????

Verso il Generoso e la solenne benedizione

Persa questa sfida, Cuu!!! sale in cattedra da Orimento al Generoso e si conferma l’uomo da battere, a ruota Biscia, Teo e un Cobra visibilmente stanco dall’ultima fatica.

Arrivati in cima al Generoso, dopo aver scattato qualche foto, assistiamo alla solenne messa svizzera all’aperto contornata dallo spargimento di letame di alcuni contadini del posto.

Lo avranno fatto apposta per risparmiare di bruciare l’incenso?

Matteo dopo anni torna a messa e lo fa in grande stile.

Il vin santo

Si riparte a fuoco verso la macchina perché i doveri di buon padre di famiglia chiamano e Cuu!!! vola capottandosi nel dirupo (1 punto di penalità).

Grazie alla benedizione della madonna elvetica viene salvato dall’unico cespuglio presente evitando una rovinosa caduta.

Giunti a Orimento, pausa con panino salame-pancetta e un buon bicchiere di vino. Per non sprecarlo, Matteo ha la brillante idea di riempire la borraccia così da assicurarsi altri 100 km di autonomia.

Bellissimo giro e compagnia stupenda, da ripetere presto!

Classifica di tappa

Classifica Generale

Superprestige

Hits: 33

Lascia un commento